Solidarietà per la comunità Equadoriana
  11-01-2009 11:32
Autore : Gioventù e Partito Comunista ticinese
 
 
  Versione integrale del comunicato spedito alle testate ticinesi e pubblicato alla fine di questa settimana.  
     
  Come Gioventù e Partito Comunista intendiamo esprimere tutta la nostra solidarietà verso la comunità equadoriana presente in Ticino, per il decesso di Marta e Enrique durante la notte di San Silvestro a Bellinzona.
Contrariamente a quanto affermato dal consigliere di stato Luigi Pedrazzini pensiamo che lo stato sia tenuto ad arrivare pure qui, a garantire uno spazio a queste persone perché non muoiano assiderate.
In altre realtà svizzere od europee tali spazi sono una realtà.
Pensiamo pure che la regolarizzazione dei clandestini sia la risposta più sensata affinché le nostre città rimangano dei posti sicuri. Non serve solo la repressione.
Peccato che il capo del Dipartimento delle Istituzioni, la maggioranza borghese, e le destre nazionali (Lega e UDC) paladini della legalità non la pensino così…
In risposta a quest’ipocrisia appoggeremo la manifestazione del 10 gennaio a Bellinzona (che partirà dalla stazione alle 14:00) indetta dal CSOA il Molino, individualità antirazziste ed Il Movimento dei Senza voce.

Gioventù comunista
Partito Comunista sezione del Partito Svizzero del Lavoro

 
     
   
  > Commenta questo articolo  
> Aggiungi una traduzione a questo articolo
> Scarica l'articolo in formato .PDF
> Invia questo articolo per email