Tema/i | ecologia : Euskal herria, occupati alcuni cantieri del tav,
  02-11-2008 16:21
Autore : (A)
 
 
  Tre diversi gruppi hanno occupato i cantieri e fermato i lavori del tav.  
     
  Abbiamo fermato i cantieri del TAV in Ordizia.
Due persone si sono incatenati alla macchina che sta perforando la montagna sotto Ordizia. Un gruppo di venticinque persone appoggia l’azione dalla bocca del tunnel e un grande striscione che dice ZULA EZAZUE ZEUEN BURUA he
stato srotolato dealla montagna sulla bocca del tunnel per un gruppo di almeno quindici persone.
13:00 Nel magazine Suelta la Olla della radio libera Hala Bedi Irratia (gazteiz) hanno fatto una connessione in diretta con l’azione realizzata.
Qui la potete ascoltare. ENTZUN (ascolta):
AudioPlayer.embed("audioplayer_1",{soundFile:"aHR0cDovL3d3dy5oYWxhYmVkaS5vcmcvYXVkaW8vb3JkaXppYWVraW50emEubXAzA"});

13:30 L'ertzaintza (sbirri) ha sgomberato alla gente che appoggia la azione nella bocca del tunnel. Gli incatenati, con lucchetto di moto, aspettavano l’arrivo dei pompieri.
14:30 è finito di uscire dopo essere stati identificati tutta la gente che ha partecipato all’azione. Le due persone che sono state incatenate alla tunneladora preso a poco un’ora, sono state dopo 40 minuti separate ricevendo insulti e umiliazioni da parte della polizia. I canti sono stati fermi al meno due ore.




Mediante la disobbedienza collettiva ella mobilizzazione popolare
FERNARLO é POSSIBILE

Pretendiamo dimostrare che fermare il TAV è possibile, mediante la disobbedienza collettiva e la mobilizzazione popolare. Il movimento d’opposizione continua a crescere, specialmente negli ultimi due anni, e per questo i promotori di quest’infrastruttura preferiscono insultarci o intossicare con calunnie, però mai contestare gli argomenti che ci portano ad opporci al tav. Cominciano a stare nervosi perché l’opposizione al AVE basco non rimane ferma davanti alle distruzioni causate dalle macchine ed ha passato all’offensiva. Dopo un intenso lavoro d’informazione nei paesini e nei quartieri coinvolti, dove si è informato sul vero impatto del TAV, stiamo portando l’iniziativa ai cantieri per paralizzare materialmente i lavori. Già abbiamo manifestato la nostra opposizione; ora è il momento di metterla in pratica.
La lotta contro il TAV non è una lotta per difendere i “paesaggi”, come a volte trattano di farci credere i politici. Stiamo cominciando a vedere già le conseguenze, ecologiche, economiche e sociali, della crisi energética, legata alla catastrofe finanziera in corso. Si tratta anche di cambiare le basi materiali della società, per vivere in un intorno di mobilità ridotta, rispetto all’ambiente e senza bisogni imposti per un sistema economico aberrante.
Abbiamo visto che non basta con smentire tutte le supposte bontà che lo Stato (governi baschi, navarro o spagnolo) utilizzano in difesa del TAV elle grandi infrastrutture.
Ora è questione di andare ai cantieri e fermarli, come si è realizzato nel Erresistentzia Gunea d’Urbina o nelle camminate ai cantieri d’Urbina, Ordizia e Abadiño. Per questo chiamiamo anche a partecipare alle prossime camminate ai cantieri, che avranno luogo il 29 di novembre a Zaratamo e il 14 di dicembre in Araba.






Mariarats bailaratik sartuta Abiadura Handiko Trena Ordizia azpitik pasa dadin zulatzen ari diren tuneleko obra geldiarazi egin dute gaur goizeko 12ak pasata. Bi lagun makina zulatzailera kateatu dira, tunelaren ahoan hogeita bost pertsona daude, eta tunelaren gainean menditik behera pankarta handia atera du hamabost pertsona inguruko talde batek: ZULA EZAZUE ZEUEN BURUA.
Herri mugimenduaren eta desobedientziaren indarrez
GELDITU DEZAKEGU

Ekintza kolektibo honekin argi erakutsi dugu gure jarrerarekin, desobeditzen eta mugitzen, AHTa geldi dezakegula. Trenaren aurkako mugimendua asko hazi da, batez ere azken bi urte hauetan, eta hau ikusita proiektuaren bultzatzaileek oposizioari arrazoiak erabilita aurre egin beharrean nahiago izan dute irain eta intoxikazioaren bideari ekitea. Ez diote gaiari ganoraz heltzen, AHTaren aurka gaudenok desitxuratu eta herria nahastu besterik ez dute egiten. Dena den, azpiegitura txikitzaile honen aurka gaudenak ez gara lokartu, erantzun egin dugu eta orain aurrera egiteko garaia da. Erokeria gelditu behar dugu. Orain arte herritarrei AHTak, propaganda hutsetik haratago, benetan zer kalte eragingo dituen jakinarazi diegu, baina beste pauso bat eman dugu: borroka obretara eraman dugu hauek gelditzeko. Gure aurkakotasuna argi erakutsi dugu; orain ekiteko garaia da. Egurra.
AHTaren aurkako borroka ez da “paisaia” defendatzeko jarrera soil bat, hainbatek hala etiketatzen gaituen arren. Ez. Hondamen ekologiko, sozial eta ekonomikoak handiak izan dira. Handiegiak. Borroka honen funtsa gizarte ero honen oinarri materialak aldatzea da; Amalurrari horrenbesteko kalterik eragingo eta sistema ekonomiko inposatzailerik egongo ez den bat.
AHTak ekarriko dituen onura faltsuak lau haizetara zabaldu dituzte administrazio madrildar, gasteiztar eta nafarrek; dena gezurra. Baina obrak aurrera doaz poliki-poliki eta honek ezin du horrela jarraitu. Obretara jotzeko ordua da, lanak gelditzekoa. Bide honi eutsi behar diogu Urbinako erresistentzia gunean eta martxan bezala, Ordizin eta Abadiñon bezala. Ez dago besterik, obrak gelditzen ez baditugu, beraiek jango gaituzte. Beraz azaroaren 29an Zaratamon eta abenduaren 14an Araban egingo diren martxetara dei egiten dizuegu.
AHTrik EZ Ekintza Zuzena
Autoorganizazioa eta borroka
 
     
 
>
>
>
>
>
>
>
 
  > Commenta questo articolo  
> Aggiungi una traduzione a questo articolo
> Scarica l'articolo in formato .PDF
> Invia questo articolo per email
  (A) 2008-11-07 13:04  
Mendiola auzoko obrak gelditu dituzte bertan kateatuz

Hanno fermato i cantieri di Mendiola incatenandosi



OBRAK GELDITU! (fermare i cantieri)

MAKINAK KANPORA!! (fuori le macchine)

AHTrik EZ eta KITTO! (no al tav e punto)




Oggi, 4 di novembre, un gruppo di 20 persone oppositori al progetto del TAV, è entrato ai cantieri d’Abadiño alle 17:00 con intenzioni di fermarle.

Quando hanno visto alla gente avvicinarsi hanno fermato le macchine, e le hanno mese dentro un recinto chiuso nel quale c’erano al meno 8 (guarda giurati).

Due persone si sono incatenati alla porta del recinto dove stavano guardate le macchine e come sfondo si sentivano forti gridi contro il TAV ella distruzione.

La polizia è arrivata poco dopo, ha mandato via ai giornalisti presenti, hanno identificato a 5 persone e hanno chiamato ai pompieri per tagliare le catene. Un’ora dopo i pompieri sono riusciti sciogliere ai due incatenati.

Con quest’azione, hanno denunziato la distruzione che sta provocando il cantiere nel quartiere di Mendiola (Abadiño), e dicendo claro che non lasciano la lotta fino a fermare questa pazzia e che seguiranno facendo fronte ai cantieri.


Foto:
E:\Indymedia Euskal Herria Obrak gelditu dituzte Abadiñon-Paradas las obras.htm



OBRAK GELDITU!

MAKINAK KANPORA!!

AHTrik EZ eta KITTO!


Gaur, azaroak 4, AHT-aren aurkako jarrera duten hogei pertsona, Abadiñoko obretan sartu dira arratsaldeko 17:00etan, hauek gelditzeko asmoarekin.

Ekintzaileak hurbiltzen ikustean, makinak 8 ?seguratek? zaintzen zuten harresiz jositako gune baten sartu dituzte. Jarraian ekintzale hauetako bi harresiz inguratutako gunera kateatu dira eta AHT-aren aurkako oihuak nagusitu dira inguruan.

Gutxira, Ertzain mordo bat agertu da, kazetariak urrunarazi dituzte, hainbat pertsona identifikatu dituzte eta suhiltzaileei deitu diete kateaturikoak askatzeko.

Ordu bat beranduago, kateak moztu dituzte eta ekintzaileak bertatik urrunarazi dituzte.

Ekintza honekin, Mendiola auzoan (Abadiño) obrak eragiten ari diren txikizioa salatu nahi izan da eta AHT-a gelditu arte borrokan jarraituko dutela.

4 di novembre. Hanno fermato i cantieri di