Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: processo agli antirazzisti torinesi - richieste del pm ::
 Themen | Antifaschismus | Migration/Antira/NoBorder | Repression/Knast 10-03-2015 13:33
AutorIn : antirazzisti torinesi
tribunale di torino
udienza ore 9 di giovedì 12 marzo 2015

ingresso 16

seminterrato

aula 3

tribunale bruno caccia
corso Vittorio Emanuele II 130
10138 Torino, Italy  https://www.google.it/maps?q=corso+vittorio+emanuele+130+Torino&oe=utf-8&client=firefox-a&ie=UTF-8&ei=7rSQUv6zDIjYswbN0YDAAw&ved=0CAoQ_AUoAg



Mezzi Pubblici che passano in zona:

per chi arriva in treno dalla valle d'aosta/lombardia, asti linea sfm 6
bra sfm Linea 4, Fossano sfm linea 7 orari treni qui  http://www.mtm.torino.it/it/servizi-orari/servizi-ferroviari/orari

fermatevi alla stazione porta susa, uscite su corso inghilterra ed il tribunale è a pochi passi

per chi arriva dal sud del piemonte, Cuneo/liguria
arrivate fino alla stazione finale Porta Nuova e seguite indicazioni qui sotto

per chi arriva alla stazione ferroviaria DORA GTT line torino/aeroporto/ ceres, Linea canavese orari  http://www.mtm.torino.it/it/servizi-orari/servizi-ferroviari/orari
arrivati alla stazione DORA GTT passa il Bus Linea 10 direzione Piazza XVIII Dicembre che è a fianco della nuova stazione di Porta Susa. Sotto attraversate la Stazione in direzione corso Inghilterra direzione sinistra poi destra su Via Cavalli .

Metro da Lingotto,Porta Nuova -fermata Porta Susa - uscita direzione corso Inghilterra
Tram Linea 9 e bus 68 da porta nuova -fermata davanti al tribunale
Tram 16 fermata su Corso Ferrucci -retro tribunale
Bus Star 1 Fermata su Via Falcone Borsellino davanti al tribunale
da piazza XVIII dicembre -zona porta susa -Bus 56 Fermata Duchessa Jolanda - a pochi passi dal tribunale
da Piazza Castello, bus 55 Fermata davanti al Tribunale
bus 60 su corso inghilterra angovo via cavalli

qui i fatti di quei giorni

Torino. Processo agli antirazzisti /seconda tranche Fathi e gli altri
oreste articoli

Sono trascorsi tanti anni. Era la notte del 24 maggio del 2008. Nel CPT – ora CIE – di corso Brunelleschi tutto è nuovo, pulito, solido. Casette in muratura hanno preso il posto dei vecchi container di latta, gelidi d’inverno e bollenti d’estate inaugurati nella tarda primavera del 1999. I muri di cinta, il filo spinato, gli uomini in armi sono gli stessi ma il numero dei posti è raddoppiato.
La nuova struttura per immigrati senza documenti è stata inaugurata da pochi giorni. Fathi sta male sin dal mattino: gli danno un antibiotico ma la situazione non migliora. Intorno alla mezzanotte peggiora: i suoi compagni chiedono aiuto a lungo senza ottenere alcuna risposta. La mattina dopo gli uomini della Croce Rossa, l’organizzazione “umanitaria” che aveva in gestione il CPT, lo trovano morto nella sua branda.
Fathi era un poveraccio, tossico e senza documenti, i suoi parenti poverissimi non avevano neppure i soldi per il funerale.
Questa vicenda sarebbe rimasta sepolta tra le mura del “nuovo” CPT di corso Brunelleschi, ma i compagni di cella di Fathi, morto come un cane senza che nessuno chiamasse un’ambulanza, provarono a bucare le mura del CPT: telefonarono ad un giornalista di Repubblica che raccolse la loro testimonianza e scrisse un articolo che uscì sulla prima pagina del quotidiano. Il colonnello e medico Antonio Baldacci, interpellato da un’altra giornalista ebbe il coraggio di dichiarare “gli immigrati mentono, mentono sempre”.
Nei giorni successivi gli undici testimoni della morte di Fathi, che avevano dichiarato la loro disponibilità a raccontare in tribunale la storia del giovane tunisino, vennero deportati in fretta e furia.
L’inchiesta della Procura venne subito archiviata.
Un gruppo di antirazzisti torinesi non archiviò. Sin dalle prime ore dopo la morte ci furono iniziative di informazione e lotta.
Alcune di queste iniziative sono finite nel fascicolo dei PM Padalino e Pedrotta in un processo diviso in due tranche contro gli antirazzisti.
Si va dal cacerolazo di fronte alla villetta di Antonio Baldacci del giugno del 2008 al presidio di fronte alla casa del responsabile provinciale della Croce Rossa Calvano, sino alla visita alla sede della Croce Rossa di via Bologna per parlare con le persone, che seguivano un corso per volontari.
Volantinaggi, interventi al megafono, letture di volantini… tante banali iniziative di informazione trasformate in reati da codice penale. La denuncia dell’impianto razzista delle leggi sull’immigrazione, dalla negazione della libertà di movimento sino alla deportazione forzata sono finite in tribunale, mentre il silenzio è calato sulla morte di Fathi.
Il 22 gennaio, nella seconda tranche del processo agli antirazzisti torinesi, hanno preso la parola gli imputati. Alcuni hanno fatto dichiarazioni spontanee, altri due, Emilio e Maria, hanno accettato il confronto con il PM Padalino.
Il processo per qualche ora ha mutato di segno. La morte di un uomo lasciato morire senza soccorsi in una struttura di detenzione amministrativa, gestita da un’organizzazione “umanitaria”, lautamente pagata per il proprio lavoro di secondini, ha riempito la maxi aula tre del tribunale.
Anche le voci dei bambini rom che urlavano mentre la polizia mascherata e armata faceva irruzione nella casa abbandonata dove vivevano hanno trovato eco nei racconti degli antirazzisti alla sbarra.
Quei bambini, nati nelle baracche di via Germagnano tra il fango e i topi, per la prima volta in vita loro avevano potuto vivere in una casa. La casa di via Pisa, una struttura di proprietà dell’Enel, venne occupata da alcune famiglie rom rumene nell’estate del 2008. Il comune di Torino non poteva tollerare che i rom vivessero in una casa, non poteva tollerare che qualcuno gettasse il cuore oltre la rassegnazione di una vita vissuta ai margini, per affermare nella pratica la propria dignità, il proprio desiderio di un futuro per se e per i propri figli. Il loro esempio poteva diventare contagioso.
Furono deportati da un pullman della GTT che li ricacciò in via Germagnano. Lì sono cresciuti, mentre la casa di via Pisa, sino a pochi mesi fa era ancora vuota. Vuota come una “civiltà”, che si fa forte di “libertà/uguaglianza/fraternità”, valori che la democrazia reale riduce a parole gettate al vento.
Gli antirazzisti qualche giorno dopo fecero una contestazione con megafono, volantini e striscioni ad un dibattito dove l’assessore con delega all’immigrazione, la democratica Ilda Curti, parlava di “paure metropolitane”, ma era sorda di fronte alle vite di chi non può permettersi nemmeno la paura.
L’assessore non volle ascoltare e sporse denuncia.
Oggi Curti è ancora assessore. I rom che negli anni si sono ammassati in baracche sul lungo Stura Lazio vengono in parte cacciati, in parte ospitati in strutture simili a convitti per minorenni, con sorveglianza e regole da collegio militare. Chi gestisce queste strutture, cooperative legate a potenti cordate, guadagna bene. Per i rom una diversa storia di segregazione per un anno o due, poi, ancora, la strada e le baracche.
“La legge è uguale per tutti” è scritto nelle aule di tribunale. Una menzogna, perché l’eguaglianza di chi non è uguale è un farsa. Una farsa che per Fathi Neijl divenne tragedia. Una farsa che i bambini rom vivono ogni giorno da quando nascono.
Il 12 marzo ci sarà la requisitoria del PM, il 27 la parola passa ai difensori per le arringhe, il 13 aprile ci sarà la sentenza. Il 22 dello stesso mese si chiuderà anche l’altro processo agli antirazzisti nel quale il PM ha chiesto pene tra l’anno e mezzo e i cinque anni e mezzo.
m. m.

www.anarresinfo.noblogs.org
 :: Keine Ergänzungen Ergänze diesen Artikel (.onion)
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!