Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: befana notav a torino: merenda, banchetto info e assemblea ::
 Themen | Ökologie | Repression/Knast 04-01-2015 02:13
AutorIn : notav
torino

martedì 6 gennaio 2015

ore 15 merenda e banchetto informativo sulla situazione notav

ore 16 assemblea per le prossime inizitive.

ritrovo

via Roma Area pedonale

-in strada-

 https://www.google.it/maps/place/Via+Roma,+1,+10123+Torino/@45.0705722,7.6846159,17z/data=!3m1!4b1!4m2!3m1!1s0x47886d71ca98fbe3:0x1326a35e6ef02b0a
LA BEFANA PORTA DONI AI NO TAV E CARBONE AI CATTIVI

Dopo una lunga mobilitazione, tre diverse sentenze hanno fatto cadere l'accusa di terrorismo nei confronti dei 7 No Tav arrestati per il sabotaggio al cantiere di Chiomonte del 14 maggio 2013. Già nel maggio scorso vi era stato un pronunciamento in tal senso della Cassazione; a dicembre sono arrivate la sentenze del Tribunale di Torino. Chiara Claudio Mattia e Niccolò, che in aula hanno rivendicato con orgoglio la partecipazione al sabotaggio spiegando le motivazioni della lotta No Tav, sono stati comunque condannati a 3 anni e sei mesi per fabbricazione e detenzione di molotov, e dal 23 dicembre si trovano agli arresti domiciliari (purtroppo con tutte le restrizioni, possono vedere solo i familiari stretti). Francesco, Graziano e Lucio, che sono stati arrestati successivamente e sono ancora in attesa del processo, hanno ottenuto la revoca dell’imputazione di terrorismo che era stata loro affibbiata solo di recente.
A conclusione di questa fase della lotta la Befana No-Tav porta carbone ai magistrati e ad alcuni loro padrini politici che hanno sostenuto l’assurda accusa di terrorismo, contro la quale il Movimento si è mobilitato con il sostegno di comitati e associazioni in tutta Italia:
- il collerico PM Andrea Padalino e il suo collega dalle strane amicizie Antonio Rinaudo, rappresentanti dell’accusa nei confronti dei nostri;
- l’onnipresente g.i.p. Federica Bompieri, che ha firmato l’ordinanza di arresto contro i 4 e (straordinaria coincidenza visto che al tirbunale di Torino ci sono una trentina di g.i.p.) altre due contro i 3;
- il senatore PD Stefano Esposito che nel corso di questi mesi ha sovente alimentato con le sue provocazioni mediatiche l’accostamento No Tav=terroristi;
- il ministro delle infrastrutture Lupi che all’indomani della sentenza nei confronti dei 4 si è affrettato a ribadire che per lui attaccare il cantiere TAV è terrorismo ed è subito venuto a fare il brindisi di Natale a Chiomonte;
- ultimo ma non ultimo l’ex capo della Procura di Torino Giancarlo Caselli, per anni regista dell’offensiva giudiziaria contro i No Tav, colui che dal 2011 ha investito Rinaudo e poi Padalino del ruolo di pm d’assalto contro il Movimento, e che pochi giorni fa intervistato da Repubblica ne ha difeso comunque l’operato, parlando di nuovo in termini molto allarmistici dei sabotaggi all’Alta Velocità. Sulle numerose ombre della carriera di Caselli ci sarebbero tante cose da dire (per gli interessati si rimanda all’opuscolo “La notte del procuratore”), per ora basti considerare che fa strano che un magistrato che si è occupato di mafia se la prenda con gli oppositori del TAV, quando da più parti è risaputo che dagli anni ’90 in poi i cantieri dell’alta velocità in tutta Italia sono stati occasione di speculazioni, appalti e corruzione di tutti i generi, consentendo alla lobby del cemento e dell’acciaio di ottenere lauti profitti con i soldi pubblici sottratti tra l’altro ai treni dei pendolari e ad altri servizi.

A gennaio 2015 la lotta No Tav va avanti, finchè i 7 non saranno tutti pienamente liberi e in vista della sentenza del maxi-processo ai 53 imputati per la Resistenza alla Maddalena del 2011, per la quale l’accusa ha chiesto complessivamente circa 200 anni di pena e oltre un milione di euro di risarcimento! La prossima udienza del processo è prevista per il 13 del mese. Va avanti anche la lotta per la sospensione dei lavori nei cantieri e lo spostamento delle risorse ivi destinate verso altri settori utili ai cittadini (trasporto locale, ospedali, ambiente, disoccupati, immigrati), secondo un modello di sviluppo equilibrato e sostenibile e non dominato dalla logica grandi opere-grandi eventi che serve solo a banche e lobby economiche.

FRANCESCO GRAZIANO LUCIO CHIARA
CLAUDIO MATTIA NICCOLO' LIBERI!

MARTEDI 13 GENNAIO ORE 9 AULA BUNKER VALLETTE MAXI-PROCESSO AI 53


Comitato No Tav Torino e cintura
 :: Keine Ergänzungen Ergänze diesen Artikel (.onion)
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!