Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: Brigate Internazionali: Libia Libera! Guerra o Armageddon? ::
 Themen | G8 (Évian) | Krieg+Militarismus | Migration/Antira/NoBorder 03-06-2011 03:30
AutorIn : Bin Laden
Le ormai consolidate tattiche anteguerra che le potenze occidentali hanno perfezionato dalla fine del secondo conflitto mondiale, prendendo spunto da un maestro della propaganda di guerra, sta ancora una volta fin qui funzionando. Scegliete voi da quale parte volete stare.

Paura di che cosa?
Resta difficile, in questa situazione, a qualsiasi essere ben pensante di prendere le difese di un regime o di un leader storico dopo che la macchina di demonizzazione a volte subliminale a volte esplicita si è messa in motto rendendo ridicolo qualsiasi argomento contro-interventista, e cosi, ancora una volta la grande arma di manipolazione di massa ha funzionato e isolato il mostro, rendendolo una facile preda.

Questa è la strategia già messa in atto in altre recenti guerre e porta con se la trinità del male mediatico, ossia, riesce ad delegittimare gli opponenti rendendo impossibili il dialogo, riesce a manipolare la cosiddetta opinione pubblica e, principalmente, riesce a mettere in difficoltà l'opposizione e avversari intellettuali locali, quegli che dall'interno potrebbero eventualmente alzarsi contro.

La sete di vendetta inglese, il protagonismo francese, l'opportunismo italiano, e la solita ingerenza statunitense ha compromesso tutte le altre legittime ribellioni nel mondo islamico, in particolare quelle dove i regimi sono alleati ai governi occidentali, Yemen, Bahrein, Marocco, Algeria, Arabia Saudita, l'intervento ha reso evidente la politica dei due pesi e due misure nella politica estera della cosiddetta "comunità internazionale", ossia, la dove i regimi "laici" opprimevano i popoli col consenso delle democrazie in cambio di petrolio ed una presunta stabilita regna l'omissione e la dove ci sono altri regimi non direttamente finanziati dalle multinazionali e governi occidentali viene applicata la politica delle bombe.
Le vecchie monarchie occidentali non sono diverse dalle monarchie islamiche, anzi, hanno dei patti di ferro sconosciuti ai propri sudditi, e sebbene gli indignati siano in continuo aumento le piazze europee vengono represse senza tanto rumore nei media, fatto sta che i rivoltosi libici non hanno nulla a che fare con la gloriosa piazza Tahrir del Cairo, cosi come, a suo tempo il corrotto e malfamato esercito di liberazione del Kosovo (UCK) non entrava nelle liste nere della CIA.

Noi veri ribelli, antagonisti, rivoluzionari, combattenti, insieme per costruire un nuovo tempo in Libia, il processo di transizione non durerebbe più di due o tre anni dopo la fine della nostra guerra, un piano in due tappe, dal governo transitorio alla autogestione anarchica, il tutto condito dai più nobili valori cristiani riconosciutissimi persino dagli islamici più estremisti, un nuova terra di pace e solidarietà tra le diverse credenze ed ideologie, o forse, dovremmo attendere la prossima opportunità di affrontare per davvero i nostri nemici? Ancora quanta distruzione e sofferenza, quanti profughi in fondo al mare?

Le condizioni obbiettive sono favorevoli ad una nostra netta presa di posizione, la Libia è per adesso il posto migliore dove costruire una nuova realtà e quindi affrontare in campo aperto il sistema mondo, in Libia possiamo collaborare per la costruzione di una vera alternativa ai regimi islamici e ai regimi pseudo-democratici, porteremmo in Africa e medioriente la nostra solidarietà e daremmo l'esempio ai popoli di tutto il mondo.

Dobbiamo osare tutti insieme, cristiani veri, comunisti, anarchici e visionari vari, proponiamo al governo Libico, sino a poco legittimamente rappresentato all'ONU e con ingenti somme investite nell'economia europea, di accettare le nostre proposte per un nuovo mondo, in cambio possiamo offrire ai leaders libici dei posti di giudici per la transizione che garantisca la loro incolumità per una uscita onorevole.

Insieme siamo milioni, insieme siamo ancora più forti!

Passa parola. Mobiliamoci!
 :: Keine Ergänzungen Ergänze diesen Artikel (.onion)
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!