Startseite | Gemeinsame Startseite | Publizieren! | Feature Archiv | Newswire Archiv | Trasharchiv


Über Indymedia.ch/de
Indymedia-Café
Editorial Policy / Moderationskriterien
Über Sprache sprechen - Sexismus in der Sprache
Wie kann ich auf Indymedia.ch publizieren / Allgemeines zu Medienaktivismus
Kontakt
Wiki
Mailingliste
Medienaktivismus
Gedanken zu Provos & Fakes
Links









 
www.indymedia.org

Projekte
print
radio
satellite tv
video

Afrika
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
kenya
nigeria
south africa

Kanada
london, ontario
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor

Ostasien
burma
jakarta
japan
korea
manila
qc
saint-petersburg

Europa
abruzzo
alacant
andorra
antwerpen
armenia
athens
österreich
barcelona
belarus
belgium
belgrade
bristol
brussels
bulgaria
kalabrien
croatia
cyprus
emilia-romagna
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
deutschland
grenoble
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
liguria
lille
linksunten
lombardia
london
madrid
malta
marseille
nantes
napoli
netherlands
nice
northern england
norway
nottingham
oost-vlaanderen
paris/île-de-france
patras
piemonte
poland
portugal
roma
romania
russia
sardinien
schottland
sverige
switzerland
thorn
toscana
toulouse
ukraine
großbritannien
valencia

Lateinamerika
argentina
bolivia
chiapas
chile
chile sur
brasilien
sucre
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
santiago
tijuana
uruguay
valparaiso
venezuela

Ozeanien
aotearoa
brisbane
burma
darwin
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

Südasien
india
mumbai

Vereinigte Staaten
arizona
arkansas
asheville
atlanta
austin
austin
baltimore
big muddy
binghamton
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
columbus
dc
hawaii
houston
hudson mohawk
kansas city
la
madison
maine
miami
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
saint louis
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa barbara
santa cruz, ca
sarasota
seattle
tampa bay
tennessee
united states
urbana-champaign
vermont
western mass
worcester

Westasien
armenia
beirut
israel
palestine

Themen
biotech

Intern
fbi/legal updates
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
 
 :: FUMETTO "Sa Balentia". Prodotto da Dott. Fonk ::
 Themen | Anti-Kapitalismus/Globalisierung | Krieg+Militarismus | Medien/Netzaktivismus 15-02-2008 13:07
AutorIn : Dott. Fonk : http://www.fotolog.com/konflitto
Sa Balentia 001 Fumetto pensato e realizzato da Dott. Fonk, disegnatore sardo impegnato nella controinformazione e in particolare nelle battaglie contro le basi NATO, la guerra, la repressione e il colonialismo.


Un pensiero particolare ai 3 compagni sardi, i nuoresi Pauleddu, Ivano e Antonella, condannati in questi giorni a 4 anni di carcere per le loro\nostre idee e la loro\nostra lotta!
LIBERTADE PRO SOS CUMPANZOS!


Siti legati a Dott. Fonk:
 http://www.myspace.com/konflitto
 http://www.fotolog.com/konflitto
Sa Balentia 001
Sa Balentia 001
Sa Balentia 002
Sa Balentia 002
Sa Balentia 003
Sa Balentia 003
Sono passati 9 anni da quando ebbi l'idea di comunicare le mie idee e i miei studi tramite fumetti firmandoli Dott. Fonk.
Oggi riguardo i primi lavori e sorrido per le imperfezioni e le prospettive non sempre azzeccate.
9 anni in cui ho potuto autoapprendere, tramite libri ed altro, come rendere il fumetto un medium potente e artistico. Ho scoperto - in questo tempo - che spesso un disegno ben studiato può dire molto più di una vignetta carica di parole scritte.
Per via del mio spirito un po' anarchico e introverso ho sempre rifiutato di essere inglobato in realtà organizzate. Mi sono sempre tenuto indipendente dagli schieramenti e contemporaneamente aperto verso tutto il Movimento Sardo. Pur mantenendo dei punti fermi quali l'antifascismo, la lotta di classe e l'amore per la mia terra.

Ho sempre lasciato la libertà di pubblicare gratuitamente i miei lavori, così spesso qualche disegno è apparso qua e la su pubblicazioni sarde e non (da poco ne ho scoperto uno su una
fanza anarchica italiana)...
Grazie ad Indymedia ho potuto essere conosciuto da molti compagni al di là dei confini nazionali sardi e raccontargli, in maniera semplice ed immediata, che avviene nella nostra piccola isola.
Ma i miei fumetti non sono pensati per un limitato pubblico militante, essi vanno ad influenzare e informare anche i più giovani. Perchè è su questi che dobbiamo puntare: con loro al nostro fianco combatteremo il cancro fascista in seno agli Stati dell'Occidente. E'
ai più giovani che dobbiamo ricordare che la libertà e i diritti si mantengono con la lotta.

Negli ultimi anni ho lavorato affianco a Sardigna Ruja a Pisa ed ho deciso di collaborare con la rivista sarda Camineras. Entrambe queste realtà puntano tutto sulla cultura e sullo studio del nostro
passato per capire e esplorare le potenzialità del popolo sardo.

Quest'ultimo fumetto prende vita dalla cronaca dell'omicidio Marotto ad Orgosolo. Un uomo e un posto ricchi di significato e di suggestioni.
Marotto era un vecchio compagno che ha vissuto mezzo secolo di lotte e repressione in Sardegna. Orgosolo è invece considerata da tutti i sardi il cuore della Sardegna, culla della sardità.
Il fumetto è un omaggio ad Orgosolo con i suoi bellissimi murales e la sua cultura.
Vuole solo accennare in punta di piedi alla vicenda Marotto, lasciando ai suoi versi - sui fatti di Pratobello - e ai miei disegni l'arduo compito di esplicare cosa sia realmente la 'Balentìa' per noi sardi.



Sa lotta de Pratobello
Versi di Peppino Marotto

Canto a binti de maju sun torrados
Sos pastores in su sesantanoe
Tristos, né untos e nen tepenados.
Su vinti'e santandria proe proe
Fini partidos cun sa roba anzande
Da sa montagna, passende in Locoe;
càrrigos e infustos viaggende
cun anzones in manu a fedu infatti,
su tazzu arressu muttinde e truvande;
avvilidos, pessende a su riccattu
impostu da su mere 'e sa pastura:
mettade 'e fruttu e piùsu in cuntrattu.
Est obbligu emigrare in pianura
Pro salvare su magru capitale
Da sos frittos iverros de s'altura.
Tùndene e murghen pro su principale,
ma da su mere e da sa mal'annada
si ristabìlin in su comunale,
ca sa paga 'e s'affittu est moderada
e poden liberamente pascolare
sen'agattare muros in filada.
Ma in lampadas devene isgombrare
tottuganta sa montagna orgolesa
pro vàghere una base militare.
L'ordina su ministru 'e sa difesa
cun manifestos mannos istampados,
postos in sos zilléris a sorpresa…
che bandu de bandidos tallonados.
E sos pastores cand'han bidu gai,
Sos cuìles in su bandu elencados:
Su pradu, S'ena, Olìni e Olài
Costa de turre cun Su Soliànu,
Loppàna, Ottùlu, Unìare e Fumài;
belle tottu su pasculu montanu
isgombru de animales e de zente
cheret su ministeru italianu,
espostu a su bersàgliu su padente
de bombas e mitraglias e cannone;
dana su bandu: pro motivu urgente
si riúnat sa popolazione
de ambo sessos mannos e minores
bénzana tottus a sa riunione.
S'improvvisana tantos oratores
e decidene de lottare unidos
istudentes, bracciantes e pastores;
d'accordu sindacados e partidos,
proclama cattolicos, marxistas:
sos bandidores síana bandídos…
Serran buttega artigianos, baristas,
e partin tottus, minores e mannos,
pro che cazzare sos militaristas:
pizzinneddos e bezzos de chent'annos
e zovaneddas de sa prima essida
han'indossadu sos rusticos pannos.
Tottu sa idda in campagna est partída,
in càmiu e in macchina minore.
Sa lotta durat piús d'una chida;
a Pratobello finas su rettore
ch'est arrivadu cun su sagrestanu
pro difende su pradu e su pastore…
Sos polizottos cun mitras in manu
Chircaìan sa lotta de virmare,
ma mutìana e currìana invano,
ca dae s'assemblea popolare
ch'in bidda si vaghìa frecuente
sa zente vi decisa a non mollare
sa zente vi decisa a non mollare

e de lottare in modu intelligente
tuttuganta sa popolazione
contra cussu invasore prepotente:

respingere ogni provocazione,
bloccare cun sas massas sas istradas,
impedire s’sercittazione

de sos tiros a sas forzas armadas,
chi calpestare cherìan sas prendas
de sas terras comunes non muradas

dae s’edittu de sas chiudendas.
A sos sordados chi tentan d’esstre,
Sa zente che los tòrrad’a sas tendas,

Finas ch’hana decisu de partire,
unida e forte sa zente orgolesa
sa lotta vi disposta de sighìre.

E cando l’hana raggiunta s’intesa
Sos delegados dae s’assemblea,
a Roma, in su ministru ‘e sa difesa,

sos cumbattenttes de sa idda mea,
fizzos de sa Barbagia de Ollolài,
parìa sos sordados de Corea…

E una lotta de populu gai,
naraìan sos bezzos pili canos,
chi in bida insoro non l’han bida mai.

Tottus sos progressistas isolanos
Solidales, cun tanta simpattia
A Orgosolo toccheddana sas manos
E naran: custa sì ch’est balentìa



TRADUZIONE
La Lotta di Pratobello

Quando il venti di maggio son tornati
i pastori nel sessantanove
tristi, né unti né pettinati.

Il venti di novembre sotto la pioggia
eran partiti con le bestie che figliavano
dalla montagna, passando da Locoe;

carichi e fradici viaggiando
con agnelli in mano e la madre dietro
il gregge magro chiamando e intruppando;

avviliti pensandola ricatto
imposto dal padrone della pastura:
metà del frutto e più in contratto.

è obbligo emigrare in pianura
per salvare il magro capitale
dai freddi inverni dell’altura.

Tosano e mungono per il principale,
ma dal padrone e dalla mal’annata
si rifanno nel comunale,

perché la paga dell’affitto è moderata
possono liberamente pascolare
senza trovare muri in infilata.

Ma a giugno devono sgomberare
tutta quanta la montagna orgolese
per fare una base militare.

L’ordina il ministro della Difesa
con manifesti grandi stampati,
messi nelle bettole a sorpresa…

come bando di banditi tallonati.
E i pastori quand’hanno visto così,
gli ovili nel bando elencati:

Su pradu, S’ena, Olìni e Olài
Custa de turre cun Su soliànu,
Loppàna, Ottùlu, Unìare e Fumài;

quasi tutto il pascolo montano
sgombro di animali e di gente
vuole il ministro italiano,

esposta al bersaglio la foresta
di bombe e mitraglie e canone;
danno il bando: per motivo urgente

si riunisca la popolazione
di ambo i sessi, grandi e piccolini
vengono tutti alla riunione.

S’improvvisano tanti oratori
e decidono di lottare uniti
studenti, braccianti e pastori;

d’accordo sindacati e partiti
proclamano, cattolici, marxisti:
i banditori siano banditi…

Chiudon bottega artigiani, baristi,
e parton tutti, piccoli e grandi,
per cacciare i militaristi:

piccini e vecchi di cent’anni
e giovanette alla prima uscita
hanno indossato i panni rustici.

Tutto il paese in campagna è partito
in camion e in macchina piccola.
La lotta dura più d’una settimana;

a Pratobello anche il prete
è arrivato con il sacrestano
per difendere Su pradu e il pastore…

I poliziotti con mitra in mano
cercano la lotta di fermare
ma chiamavan e correvano invano,

perché dall’assemblea popolare
che in città si faceva frequente
la gente era decisa a non mollare

e di lottare in modo intelligente
tutta quanta la popolazione
contro quell’invasore prepotente:

respingere ogni provocazione,
bloccare con le masse le strade,
impedire l’esercitazione

dei tiri alle forze armate,
che calpestare volevan le perle
delle terre comuni non murate

dall’editto delle chiudende.
I soldati che cercan d’uscire
la gente li respinge nelle tende

finchè han deciso di partire,
unita e forte la gente orgolese
la lotta era disposta a continuare.

E quando l’han raggiunta l’intesa
i delegati dall’assemblea,
a Roma, nel ministero della Difesa,

i combattenti del paese mio,
figli della Barbagia di Ollolai,
sembravano i soldati di Corea…

E una lotta di popolo così,
dicevan i vecchi dai capelli canuti
che in vita loro non l’han mai vista.

Tutti i progressisti isolani
solidali, con tanta simpatia
Orgosolo applaudono
e dicono: questa si che è Balentìa.
 :: 1 Inhaltliche Ergänzung : > Ergänze diesen Artikel (.onion )
  Visualizza il FUMETTO con questi LINK
15.02.2008 14:10  


AutorIn: Dott. Fonk
GNU Free Documentation License 1.2 Sämtlicher Inhalt auf Indymedia Deutschschweiz ist verfügbar unter der Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Germany.
Für sämtlichen Inhalt der jeweiligen Beiträge unter Indymedia Schweiz und Indymedia Deutschschweiz sind nur die jeweiligen AutorInnen verantwortlich!
Indymedia Schweiz läuft mit MIR 1.1
Use GNU!